Il Primiero incontra il Kosovo

HomeIstituto SuperioreProgetti Istituto Superiore › Il Primiero incontra il Kosovo

Il Primiero incontra il Kosovo: scambio culturale con gli studenti dei Balcani.

Peja-Pec: da qui, una delle più importanti città del Kosovo, partiranno tra pochi giorni undici ragazzi tra i 16 e i 18 anni con destinazione il Primiero.

Sono attesi dalla classi 3^ e 4^ del Liceo economico per il turismo dell’Istituto Superiore di Transacqua nell’ambito del “Progetto-scambio Peja-Pec-Primiero”.

Già da alcuni mesi abbiamo avviato i contatti ed un’ avvincente corrispondenza via e-mail ha coinvolto alunni e docenti di entrambe le scuole.

Ora non resta che accoglierli al loro arrivo: saranno ospitati da famiglie volontarie trentine e venete dal 7 al 12 giugno prossimi. Parteciperanno insieme alle due classi del liceo turistico ad una serie di incontri sull’energia, sul problema dei rifiuti e dell’ambiente visitando la centrale termica di San Martino e l'ecocentro di Tonadico; saranno inoltre protagonisti di vari laboratori e attività didattiche, ma non mancheranno momenti di svago.Sono previsti percorsi guidati in varie località tra cui il Parco delle Pale si San Martino e Paneveggio, Trento, Feltre e l’immancabile Venezia.

I giovani studenti kosovari sembrano davvero entusiasti del viaggio che stanno per intraprendere impegnandosi con tutte le loro forze per riuscire ad arrivare, dopo aver finalmente ottenuto i visti, i fondi necessari e superato varie difficoltà. La buona riuscita dell'iniziativa deve il suo risultato alla sinergia di diversi enti e associazioni tra cui l'Associazione Trame e terre e l'associazione P.O.M, che operano in Primiero, e più istituzioni: il Tavolo trentino per il Kosovo, il Tavolo per le politiche giovanili di Primiero, la Provincia e la nostra scuola.

Durante il periodo preparatorio gli studenti del liceo Peja Bedrani ci hanno inviato presentazioni della loro scuola e informazioni sulla vita quotidiana e sulla situazione del loro Paese. Grazie ad incontri con esperti noi abbiamo avuto l’opportunità di approfondire la conoscenza della storia e dell’ambiente del Kosovo, uno stato vittima di guerre terribili, di cui si è parlato troppo poco, resosi indipendente dalla Serbia dal 2008, ma non ancora riconosciuto da tutti i Paesi.

L'idea del Progetto è nata dalla testimonianza di giovani operatori del Servizio Civile che sono venuti in visita nella nostra scuola e ci hanno riportato la loro esperienza di cooperazione in Kosovo e in Bosnia. È subito nato da parte nostra un interesse e la curiosità di conoscere di più di quella realtà, così abbiamo pensato di invitare una gruppo di studenti kosovari a visitare il nostro istituto e la nostra valle. Al centro dello scambio culturale è stato posto il tema dell’ambiente, argomento proposto dai coetanei di Peja Pec, i quali hanno a cuore il proprio territorio e sono consci del suo potenziale turistico e di sviluppo, che, però, è ancora provato dalla guerra e dal clima di tensione tra le diverse etnie.
Per informare la popolazione di Primiero del progetto abbiamo organizzato una serata a cui tutti sono invitati e che si terrà lunedì 30 maggio, alle ore 20.30 nell’aula magna dell’Istituto Superiore del Primiero, si potrà ascoltare il resoconto di volontari trentini rientrati dal Kosovo e prendere atto del programma settimanale preparato per gli studenti del Kosovo nella settimana in cui saranno nostri ospiti. Inoltre sabato 4 giugno, dalle 16.00 alle 19.00, saremo presenti con uno stand nell'ambito della festa del mondo a Fiera, presenteremo dal vivo il nostro progetto e risponderemo ai quesiti di chiunque voglia saperne di più. In questi giorni, che precedono l’arrivo dei nostri attesissimi amici del Kosovo, tutti noi ragazzi coinvolti nello scambio stiamo lavorando assiduamente per completare i preparativi tra cui presentazioni in lingua italiana e inglese. Non è stato facile organizzare le varie attività per la settimana ricca di eventi, viste anche le varie incertezze inerenti la loro partenza, ma, sistemati gli ultimi importanti dettagli, aspettiamo con trepidazione gli studenti kosovari, sicuri che la loro permanenza sarà un’esperienza umana davvero unica. Non un’occasione isolata, bensì magnifica opportunità di confronto e chissà…magari l’anno prossimo saremo noi a raggiungerli!

Valentina De Cecco 3^ liceo economico per il turismo, Istituto superiore di Primiero