Debiti formativi ed attività di recupero

HomeIstituto SuperioreValutazione ed attività di recupero e sostegno › Debiti formativi ed attività di recupero
Disposizioni, sia a livello nazionale sia a livello provinciale, hanno profondamente innovato la disciplina dei debiti formativi.
Il Collegio Docenti ha deliberato in materia,entro i limiti della propria autonomia ed all'interno della cornice normativa nazionale e provinciale,definendo in particolare:
  1. Criteri per l'organizzazione e la realizzazione degli interventi di sostegno e recupero: sono state individuate varie modalità per il sostegno e recupero:
    • recupero in-itinere: effettuato durante l'orario curricolare e per tutta la classe;
    • recupero attravero l'organizzazione di corsi in orario pomeridiano per gli alunni che hanno carenze formative;
    • servizio di sportello didattico permanente: vari docenti mettono a disposizione un'ora nel pomeriggio per il sostegno, il recupero e l'approfondimento;
    • recupero attraverso lo studio individuale da parte dello studente.

      Per l'organizzazione degli interventi di recupero inerenti le carenze formative rilevatedopo il 1 periodo didattico (inizio lezioni - 23 dicembre 2009), il Collegio Docenti ha deliberato,sulla scorta dell'esperienza dell'a.s. precedente, di adottare la modalità di recupero "in-itinere", prevedendo una "settimana tecnica"di sopensione delle lezioni - dal 18 gennaio 2010 al 23 gennaio 2010 - durante la quale i docenti si concentreranno sul recupero degli alunni con carenze formative.
      Tutti gli alunni della classe sono tenuti a frequentare le lezioni durante la "settimana tecnica"; i docenti potrannoprevedere attività di approfondimento o attività alternative per gli alunni che non presentano carenzeformative al fine di valorizzare le eccellenze.
      Gli alunni con carenze formative sono tenuti a sostenere l'esame di verifica del debito formativo entro il 20 febbraio 2010.
  2. Tempi attività di recupero: recuperi del 1 quadrimestre dal18 gennaio al23 gennaio, con verifiche da completare entro il 20 febbraio; recuperi del 2 quadrimestre dal 3 settembre al 30 settembre (verifiche comprese)
  3. Criteri di conduzione dei Consigli di classe del 1 qadrimestre: il Consiglio di classe, su indicazione del docente della singola materia, programma le iniziativedi recupero e gli obiettivi delle stesse;il Collegio docenti ha deliberato in data 21 gennaio 2009 in merito all'organizzazione delle attività di sostegno e di recupero dei debiti formativi contratti nel 1 quadrimestre ed ha individuato le seguentimodalitàdirecupero:recupero "in-itinere" estudio individuale supportato dai docenti.
  4. Criteri di conduzione dei Consigli di classe finali: per le classi non terminali, per gli studenti che presentino in una o più discipline insufficienze, seil Consiglio di classe ritiene che lo studente possa raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline, attraverso le attività di recupero indicate, viene deliberata l'ammissione alla classe successiva, sulla base dei criteri di cui al punto 6),con obbligo di seguire il piano di recupero predisposto dal docente e di sostenere all'inizio dell'a.s successivo le prove di verifica del saldo del debito formativo
    Per gli alunni che devono affrontare l'Esame di Stato, l'ammissione è condizionata al saldo dei debiti formativi riportati negli anni scolastici precedenti.
    In base al Regolamento Provinciale sulla valutazione, l'alunno viene ammesso a sostenere l'Esame di Statoanche senon raggiunge la media del "sei" nel complesso delle materie, qualora il Consiglio di Classe ritenga possa affrontare proficuamente l'Esame. Nel calcolo della media non si tiene conto del voto di condotta.
  5. Adempimenti dei Consigli di Classe e dei docenti in sede di scrutinio finale:
    il consiglio di classe, in presenza di insufficienze, su indicazione dei singoli insegnanti delle materie oggetto di recupero, definisce la natura delle carenze, programma le iniziative di recupero e gli obiettivi delle stesse.
    Il docente della disciplina in cui l’alunno presenta insufficienze predispone il materiale ritenuto necessario affinché l’alunno possa avviare un lavoro individuale preparatorio in vista del corso di recupero.
  6. Criteri per delibearre la promozione alla classe successiva: l'alunno viene ammesso alla classe successiva se:
    • presenta non più di tre insufficienze non gravi (voto cinque);
    • presenta non più di un'insufficienza grave (voto quattro o meno di quattro) e una non grave.
  7. Modalità di verifica del saldo del debito formativo:
    • la verifica del saldo del debito formativo viene effettuata da una Commissione, formata da un docente della disciplinain cui è stato rilevato il debito - se presta ancora servizio nell'Istituo -e da un altro docente del Consiglio di classe;
    • il docente della disciplina in cui è stato rilevato il debito definisce la tipologia delle verifiche (scritta, orale, grafica, pratica), predispone i testi delle eventuali prove scritte/grafiche/pratiche e stabilisce la durata della prova;
    • nel caso lo studente non superi la prova di verifica del saldo del debito formativo rilevato alla fine dell'a.s. precedente, ha la possibilità di ripetere l'esame un'altra volta.