Erasmus Plus: Più Europa a Primiero

Erasmus Plus: Più Europa a Primiero

Prospettiva europea, mobilità, formazione,intercultura, apprendimento continuo, condivisione: queste le parole chiave del progetto Erasmus plus.

Erasmus Plus è un programma dell’Unione europea destinato, dunque, a promuovere questi valori attraverso il finanziamento di progetti specifici. L'Istituto Comprensivo di Primiero partecipando al bando e redigendo un complesso progetto “www.primierolivingeco-friendly.it”, i cui contenuti si sono focalizzati intorno a valorizzazione del territorio, rispetto per le risorse ambientali, attenzione alle fonti energetiche rinnovabili, ecosostenibilità e peer education, ha superato la selezione con il massimo del punteggio. Al momento si stanno svolgendo le prime fasi, in particolare, nelle scorse settimane, è iniziata la formazione del personale che ha previsto corsi in Gran Bretagna e in Irlanda per 5 insegnanti e 2 dipendenti dell’area tecnico-amministrativa.

Il programma Erasmus Plus nasce da più esigenze: concrete ed etiche. Quelle concrete fanno riferimento alla preoccupante disoccupazione giovanile, che convive e si alimenta di una carenza di competenze professionali avanzate richieste oggi dal mercato del lavoro.

Quelle etiche afferiscono ad un attacco all’idea di Europa e ad una crisi di credibilità che da più fronti l’Unione europea sta subendo negli ultimi anni.

Oggi l’Europa vive un momento di crisi di identità, ma anche di disaffezione da parte i molti anti europeisti, che proponendo soluzioni semplici a problemi complessi creano confusioni e demistificazioni e inneggiano alla costruzione di muri e barriere.

Non è questo il luogo per un’analisi approfondita delle ragioni e delle soluzioni, ma qualche battuta è indispensabile per difendere una realtà che offre a studenti, insegnanti, attori economici, lavoratori, persone comuni, ecc. grandi opportunità di miglioramento professionale, di mobilità, di studio, formazione, di esperienze lavorative, per non parlare dell’arricchimento umano e personale che proviene dal contatto con altre culture e altre esperienze. Il progetto Erasmus e la scuola di Primiero sostengono invece l’importanza di lavorare per rafforzare l’idea dell’Europa unita, integrata, pacifica come luogo di scambio culturale e non solo e di consapevolezza del proprio passato e per il proprio futuro.

Gli obiettivi specifici di questa fase del progetto sono quelli di permettere agli insegnanti e al personale tecnico-amministrativo di partecipare ad attività di formazione all’estero, migliorando le loro competenze linguistiche e professionali, di conoscere dei colleghi di altri Paesi e scambiare esperienze e idee, di migliorare il proprio metodo di insegnamento e apprendimento, di arricchire le proprie conoscenze culturali, di inserirsi in un contesto europeo. E questo, per noi che viviamo in una valle bellissima, ma molto marginale, è doppiamente importante.

I 5 insegnanti e i 2 dipendenti dell’area amministrativo-tecnica del nostro istituto hanno quindi trascorso rispettivamente 15 giorni a Leeds, nello Yorkshire (GB) e a Dublino, partecipando a delle lezioni di lingua inglese, CLIL (Content and Language Integrated Learning), metodologia didattica, ITC,... confrontandosi su varie tematiche con insegnanti e personale spagnoli, polacchi, tedeschi, bulgari, svedesi, belgi, ecc. Nei mesi invernali altri docenti saranno coinvolti in un'esperienza a Friburgo (GER), città nota per le iniziative legate alle energie rinnovabili.

Il nostro istituto ha colto questa opportunità credendo nella necessità di continuare ad imparare e a formarsi, di cooperare con altre realtà in un sistema sempre più integrato e globale per il bene dei nostri studenti, del nostro mercato del lavoro, della nostra società.

Questa è anche la forte convinzione dei nostri partners europei.

-
-
-
-